Italiano
Cerca
Back to All Blog Posts

Il Governo si impegna con una risoluzione a disciplinare la biomassa di canapa a fini estrattivi

Il Governo si impegna con una risoluzione a disciplinare la biomassa di canapa a fini estrattivi

 

Da parte della Commissione Agricoltura ha preso corpo la "Risoluzione in commissione 7 - 00314", che impegna il governo a disciplinare normative specifiche sulla canapa industriale.

A seguito proponiamo il testo completo della risoluzione al fine di dare una valutazione critica da parte degli addetti al settore:

Atto Camera

Risoluzione in commissione 7-00314 presentato da Gagnarli Carla (movimento 5 stelle). Testo di martedi 24 Settembre 2019 seduta n. 226

 

La XIII Commissione

premesso che:

La legge 2 dicembre 2016 n. 242, reca norme per la promozione della coltivazione e della filiera agroindustriale della canapa sativa e ne disciplina l'intera fase agronomica, dalla semina alla raccolta;

la circolare 8 maggio 2018 del Ministero delle politiche agricole alimentari, forestali e del turismo che chiarisce l'applicazione delle norme in parola, con riferimento alle infiorescenze, il cui interessecommerciale, come noto, è notevolmente aumentato a seguito della discipina del settore, precisa che queste, pur non essendo espressamente citate dalla legge in questione, nè tra le finalità della coltura, nè tra i suoi possibili usi, rientrano nell'ambito delle coltivazioni destinate al florovivaismo, purchè tali prodotti derivino da una delle varietà ammesse;

con sentenza del 30 maggio 2019, la Corte di Cassazione ha stabilito che la cessione, la vendita, e in genere la commercializzazione al pubblico dei derivati della coltivazione della cannabis sativa L., quali foglie, infiorescenze, olio, resina, sono condotte che integrano il reato di cui l'articolo 73 del decreto del Presidente della Repubblica n. 309 del 1990, anche a fronte di un contenuto di THC inferiore ai valori indicati dall'articolo 4, commi 4,5 e 7, della legge n. 242 del 2016, salvo che tali derivati siano in concreto privi di ogni efficacia drogante o psicotropa, secondo il principio di offensività;

ancorchè la legge in parola disciplini la coltivazione della canapa al fine di promuovere la filiera agroindustriale, senza pertanto alcun riferimento ad aspetti ricreativi o terapeutici, alla luce della sentenza succitata, è indispensabile, anche al fine di non sminuire le finalità dell'impianto normativo, disciplinare la cessione, da parte degli agricoltori, di biomassa di canapa a fini estrattivi;

sarebbe altresì utile la determinazione di specifici codici doganali per ogni macro categoria di prodotto derivante dalla canapa come previsto dall'articolo 189 del regolamento (UE) 1308/2013;

con riferimento alle piante officinali, il decreto legislativo 21 maggio 2018, n. 75, dispone che l'elenco delle specie di piante officinali coltivate sia stabilito con decreto interministeriale previa intesa con la Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le regioni e le province autonome di Trento e Bolzano, al quale è rinviata anche la disciplina dell'attività di raccolta e prima trasformazione delle specie di piante officinali spontanee e delle specie e delle varietà da conservazione o in via di estinzione;

ad oggi non risultano destinate risorse al settore della canapicoltura nonostante siano previste dall'articolo 6 della legge n. 242 del 2016 che reca norme per incentivare la filiera della canapa, in particolare per favorire il miglioramento delle condizioni di produzione e trasformazione nonchè il finanziamento di progetti di ricerca e sviluppo per la produzione e i processi di prima trasformazione, finalizzati prioritariamente alla ricostituzione del patrimonio genetico e all'individuazione di corretti processi di meccanizzazione, al fine di rendere adeguatamente remurativa l'attività di coltivazione per agricoltori in ogni territorio, gli impianti di trasformazione sono le infrastrutture necessarie per incentivare la filiera;

al fine di incentivare la creazione di nuove varietà di canapa adatte alle condizioni climatiche italiane, è indispensabile permettere alle aziende sementiere, alle aziende florovivaistiche e agli enti pubblici di ricerca, di poter selezionare nuove varietà di canapa e procedere alla registrazione di tali nuove varietà ai sensi del decreto del Ministero delle politiche agricole, alimentari e forestali 5 aprile 2011,

impegna il Governo:

a disciplinare la cessione di biomassa di canapa, intesa come materia prima composta da parte vegetative aeree, ivi compresi, steli, canapulo, fibra, semi, foglie, fiori e/o infiorescenze, identificabili o che, nel complesso, ne consentano l'identificabilità nello stato stabilizzato di presentazione - biomassa secca con umidità inferiore al 12 per cento - a fini estrattivi per le aziende che dispongano dei necessari requisiti di legge;

ad adottare iniziative per prevedere specifici codici doganali, anche alla luce dell'articol 189 del regolamento (UE) 1308/2013, per ogni macro categoria di prodotto derivante dalla canapa;

ad adottare iniziative per inserire la cannabis sativa, in tutte le sue parti, nell'elenco delle piante officinali previsto per decreto legislativo n. 75 del 21 maggio 2018;

ad attuare urgentemente la previsione finanziaria di cui l'articolo 6 della legge n. 242 del 2016 e a valutare la possibilità di stanziare ulteriori risorse finanziarie alla realizzazione di progetti di promozione dell'economia circolare;

ad incentivare la sperimentazione di nuove varietà di canapa per la costituzione di poli sementieri a garanzia delle qualità e della tipicità italiana delle varietà selezionate.

Commenti
Write a Comment Close Comment Form
WhatsApp logo Ciao! Come possiamo aiutarti?